Salute e bontà in una noce in guscio

30-01-2018

Salute e bontà in una noce in guscio


26 gennaio 2018
Salute e benessere sono i nuovi punti di forza su cui si basa un business tutto in crescita: quello della frutta secca e in guscio, della noce in particolare. Ce lo racconta, nella nona puntata di New Farmers, Alessandro Annibali con cui viaggiamo in Romagna, nelle colline sopra Forlì. E’ un alimento che fa parte dei 10 superfood, quelli cioè che non dovrebbero mancare in una dieta sana ed equilibrata, la noce, frutto simbolo di fertilità, che appunto in Romagna sta vivendo una certa importanza. Qui infatti, Alessandro Annibali ha deciso di farsi capofila di un progetto per tutelare e diffondere questo prodotto dall’alto valore commerciale oltre che salutistico, dichiarando guerra alla noce di importazione, con un progetto di filiera proprio dedicato a questo frutto. Alessandro, 60 anni, appartiene ad una antica generazione di imprenditori e proprietari terrieri. Il papà Iliano conduceva un’azienda specializzata nella lavorazione e commercializzazione di sementi da pasto, dalle cui costole nasce poi l’azienda di cui oggi Annibali è Amministratore Delegato; ma il giovane Alessandro, vulcano di idee e amante della campagna, a fine anni Novanta decide di lanciarsi in una nuova avventura: la coltivazione della noce, che trova in Emilia-Romagna condizioni ottimali. Partito da soli 2 ettari di terreno, oggi in 250, di cui metà in proprietà e metà suddivisi tra altri agricoltori, coltiva questo frutto con il desiderio di diventare una grande filiera e un polo nocicolo d’eccellenza. Il noce è uno dei più antichi alberi da frutto conosciuti e coltivati dall’uomo, un vero e proprio re, considerando le sue dimensioni maestose e la grande longevità. L’albero del noce ha un grande valore anche per il suo pregiato legno, duro ed eterno. Non a caso è da sempre usato nell’industria mobiliera di alta qualità. Fino agli anni ‘60 l’Italia ne era il primo produttore mondiale, mentre oggi detiene solo una piccola quota di produzione. La maggior parte delle noci sul mercato sono dunque d’importazione e arrivano, in particolare, dalla California e, più di recente, dal Cile, Argentina e Australia. Il frutto è un vero prodigio: cento grammi di noci apportano circa 650-700 kcal, ma nonostante questo la noce è considerata un alimento che contrasta l’aumento di peso corporeo, per il buon rapporto tra acidi grassi omega 6/omega 3. La buona concentrazione di acido linolenico permette alla noce di essere un alimento funzionale come pochi. Il consumo costante di circa 30 g (circa 5-6 gherigli/frutti) di noci al giorno permette di ridurre la concentrazione di colesterolo totale e l’LDL nel sangue, ridurre i problemi alle coronarie e all’aorta, ridurre i rischi d’infarto, limitare l’incidenza dell’osteoporosi. Inoltre l’elevata presenza di composti antiossidanti, soprattutto derivati dell’acido ellagico e benzoico, permette una maggiore protezione dell’organismo umano verso malattie croniche degenerative ed alcune forme tumorali.

Video della puntata



Torna alle news

News

SIAL - INSPIRE FOOD BUSINESS

Leggi la news...